mercoledì 22 ottobre 2008

Unico, Vero, Grande PRESIDENTE ITALIANO!

Caro Presidente, le Tue parole dovrebbero essere un insegnamento per tutti...ma questi mediocri e corrotti di oggi, non hanno a cuore il popolo Italiano e tantomeno i giovani e la scuola.


Infatti oggi rispondono, picchiando brutalmente e talvolta uccidendo, chiunque dissenta dalla linea di questo regime, che qualcuno, osa ancora, chiamare Democrazia.


Ci manca....

la Tua RETTITUDINE, la Tua ONESTA',

la Tua SAGGEZZA, la Tua SEVERITA'.


Ma soprattutto ci manca .......

il Tuo Grande CUORE!


MESSAGGIO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SANDRO PERTINI

PER L'INIZIO DEL NUOVO ANNO SCOLASTICO

Palazzo del Quirinale, 14 settembre 1982



QUANTO IL CONSUETO E SEMPRE NUOVO CICLO DI ATTIVITA' CHE SI APRE OGGI SIA IMPEGNATIVO PER DOCENTI E DISCENTI, QUANTO IMPORTANTE PER LA COMUNITA' NAZIONALE E' SUPERFLUO SOTTOLINEARE; NON E' SOLTANTO LA COMUNICAZIONE DEL SAPERE, NON LA TRASMISSIONE NELLE MENTI DEI GIOVANI DELLE CONOSCENZE E DELLE ESPERIENZE ACQUISITE: LA SCUOLA E' MOLTO DI PIU'. IN ESSA RISIEDE UNA FUNZIONE FONDAMENTALE QUALE E' QUELLA DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE UMANA E SPIRITUALE DELLE NUOVE GENERAZIONI.

UNA SCUOLA APERTA QUINDI AI PROBLEMI ED AI BISOGNI DELLA SOCIETA', INTEGRATO CON QUELL'ALTRO ESSENZIALE ORGANISMO NATURALE CHE E' LA FAMIGLIA, SENSIBILE A TUTTE LE ISTANZE DI VITA E DI SVILUPPO CHE NASCONO DALLA COLLETTIVITA'.

TRADURRE TUTTO CIO' IN STRUTTURE EFFICIENTI, DISPORRE DI AMPIEZZA DI MEZZI PER CONSENTIRE UN LORO COSTANTE MIGLIORAMENTO, CURARE LA PREPARAZIONE E LA QUALIFICAZIONE DEI DOCENTI, INCREMENTARE LA RICERCA SCIENTIFICA, INCORAGGIARE E ASSECONDARE CON INTELLIGENTE OPERA DI SELEZIONE QUEL CHE DI PIU' PREZIOSO RECA CON SE' LA GIOVENTU': L' ENTUSIASMO, L' AMORE E IL PROGRESSO NELLE CONOSCENZE; QUESTO E' IL GRANDE, ESALTANTE IMPEGNO QUOTIDIANO DELLA SCUOLA.

PER REALIZZARE QUESTI OBIETTIVI PER NULLA AMBIZIOSI MA CONFACENTI A UNA MODERNA CONCEZIONE DELLA SOCIETA', DINNANZI ALLE CARENZE CHE PURE OSSERVIAMO PRESENTI NEL MONDO DELLA SCUOLA OCCORRE COOPERAZIONE ASSIDUA, INTESE VALIDE E COSTANTI DA PROMUOVERE AI LIVELLI DECISIONALI, DISPONIBILITA', DEDIZIONE, ALTRUISMO NEI DOCENTI E NEGLI ALLIEVI. SONO QUESTE LE CONDIZIONI PERCHE' NEL NOSTRO PAESE FIORISCA UNA SCUOLA CHE SIA DEGNA DEL NOME, ANIMATA DA ALTA IDEALITA', ISPIRATA DALLA CHIARA COSCIENZA DELL' INEGUAGLIABILE FUNZIONE SOCIALE CHE ASSOLVE.

IO SO CHE NEI GIOVANI QUESTE PAROLE SUONANO NON COME SPERANZE IRREALIZZABILI, NON COME SOGNI AMBIZIOSI E VANI, MA COME CONCRETO E SANO BISOGNO VITALE: NON DISPERDIAMO QUESTE ENERGIE, NON DELUDIAMO QUESTE ATTESE. A CIASCUNO IL SUO IMPEGNO, AD OGNUNO DI NOI LA SUA PARTE DI RESPONSABILITA' PER FAR SI' CHE DAL MIGLIORAMENTO DELLA NOSTRA SOCIETA' DI CUI, IN QUESTI DIFFICILI ANNI, SENTIAMO ESTREMA NECESSITA'.

QUESTO E' L' AUGURIO CHE FORMULO DI TUTTO CUORE IN QUESTO GIORNO PER GLI ALUNNI, PER GLI STUDENTI, PER I GIOVANI CHE RITORNANO ALLO STUDIO, PER GLI INSEGNANTI, PER I DOCENTI E PER TUTTI COLORO CHE DEDICANO LA LORO OPERA ALLA SCUOLA.

1 commento:

  1. Pertini, in qualità di Presidente della Repubblica, baciò la bara in cui risiedeva il generale Tito, assassino slavo mandante del più grande genocidio compiuto contro italiani, alcuni brutalmente massacrati e alcunE brutalmente violentate prima di essere gettate in profondissimi dirupi.

    Tra tutti quei morti c'era una parte d'Italia che chiamava giustizia, che reclamava a gran voce giustizia. E cosa fa il Presidente, simbolo di unità nazionale? Bacia la bara dell'assassino.

    Sai cosa ti dico invece io? Onore a tutti i morti in guerra, onore a tutte le persone oneste, onore ai lavoratori. Morte ai mafiosi, corrotti e politici venduti, tra cui Pertini che collaborava con un partito comunista (direi più nazista) di un regime dittatoriale quale era la Russia a quei tempi.

    W la libertà!

    RispondiElimina

SOLIDARIETA'

Volti da Ricordare

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.