martedì 20 maggio 2008

Buonasera a tutti,vorrei iniziare questa avventura,
con la pubblicazione di questa straordinaria poesia.

Un modo per presentarmi, per svelare le cose che amo,
le cose che mi indignano e quelle che mi commuovono.

Strada facendo capirete
che l'indignazione e la rabbia sono spesso al primo posto.


Le ingiustizie di questo mondo mi fanno male.






__________________________________________________________



MENDICANTE




Sono la mano tesa,quel pugno chiuso sulle mille lire
agli angoli delle strade spazzate dal vento,
sotto i portici sporchi,cartaccia tra la cartaccia della tua città.

Ed ho occhi di pianto che non piangono più
ma rossi si posano sui piedi che sfilano davanti
alla miseria e al mio dolore,troppo in alto,
anime che non s'incontrano alla mia.

Sono il groviglio di panni arruffato e sporco,
carnascialesca accozzaglia di cose prese qua e la'
per coprire la dignità di una donna che un giorno sorrideva alla vita.

E solo le mie parole sussurrano grazie, sempre grazie,
per il pane del giorno, per il sigaro smozzicato,
grazie per quel sole che accarezza anche i miei pochi capelli,
e nulla altro voglio che sia non morire una notte,
nel dimenticatoio delle coscienze,
sola tra cani che annusano il mio odore,
sotto un lampione beffardo che illumina il degrado
di questo cuore malato di solitudine.

Poi ritorna il mattino coi suoi coriandoli di luce
e il freddo che avevo, scompare misterioso.

Allora lo spazzino che passa, annuncia un leggero buongiorno.
E io rido come una bimba impazzita su un campanile al tramonto.
Rido del suo buongiorno.
Buono un giorno di gelo sopra l'anima già assiderata?
Buono quel pane muffito che esce dalla mia sporta?
E sarà buono il disprezzo di quelli che mi hanno offesa,
confondendo la mia miseria con un'assenza di pensiero?

Eppure anch'io porto un sogno racchiuso tra le toppe consumate
che coprono le mie braccia stanche.
Vorrei vedere una volta, una volta soltanto quel letto
dove da piccola dormivo e sentire di nuovo, su queste ossa di vecchia,
l'abbraccio caldo di mia madre e quel suo tenero bacio.

"Assunta Coppola"

Nessun commento:

Posta un commento

SOLIDARIETA'

Volti da Ricordare

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.